Archivio Scientifico
Indice dell'Archivio e mappa del sito

Naso e seni paranasali
Deviazione del setto, riniti, l'ostruzione respiratoria, polipi nasali. La sinusite. Il laser e la chirurgia nasale
Le patologie di confine odontoiatrico e oculistico. Le dacriocistorinostomie

Per saperne di più...

Esami ORL e strumentali
Audiometria, potenziali evocati, esame vestibolare, rinomanometria. Come, quando e perchè esami ORL

Per saperne di più ...
Patologia e chirurgia dell'orecchio
Otite acuta e cronica,
perforazioni del timpano, colesteatoma ed otosclerosi

Per saperne di più ...
Otoneurochirurgia
Gli impianti cocleari, le neurectomie, il neurinoma delll'acustico, il facciale
Per saperne di più...
Chirurgia della base cranica
Tumori della base cranica: meningiomi, cordomi, glomi. Diagnosi e cure
Per saperne di più ...

Gola e laringe
I problemi delle tonsille, delle corde vocali e della voce., il laser e ancora
Per saperne di più ...

Russamento
studio del sonno, il russamento patologico. La diagnosi e le terapie della roncopatia
Per saperne di più ...
Vertigini ed equilibrio
Le vertigini e i disturbi dell'equilibrio. Come si diagnosticano e come si curano. Gli esami e la riabilitazione ...
Per saperne di più ...
Acufeni
Come si diagnosticano e si curano questi fastidiosi disturbi dell'orecchio. La TRT
Per saperne di più ...
Foniatria
Disturbi della voce, del linguaggio, della deglutizione. I problemi dei cantanti
Per saperne di più ...
L'angolo del pediatra
Il pediatra vi spiega: la febbre, la tonsillite, l'ASLO, le infezioni respiratorie, il russamento nel bambino, l'otite
Per saperne di più...
Radiologia
Il radiologo vi spiega la TAC, la RM. Anche chi soffre di claustrofobia o i bambini possono fare questi esami
Per saperne di più...
Indice dell'Archivio
 
OtoRinoLaringoiatri Associati

EQUIPE

Associati
Dott. Fernando Mancini
Dott.ssa Manuela Sacchi


Vestibologia e Audiologia

Dott.ssa Barbara Monti


Tecnico Audiometrista
Simone Musso,
Dottore in Tecniche Audiometriche

Tecnici Audioprotesisti
Irene Chianale
Dottore in Audioprotesi


Segreteria e Direzione
Loredana Polito

DOVE VISITIAMO
PIEMONTE
Otorinolaringoiatri Associati
CDF
Centro Diagnostico Fornaca, c.so vittorio emanuele II 87
10128 Torino

Via Racconigi 18,
c/o LISA
10022 Carmagnola (TO)

LARC - Studio Medico Pinerolese
Via R. Gatto, 28
10064 Pinerolo

LARC LAMBDA
Corso Duca degli Abruzzi, 56
10129 Torino

VALLE D'AOSTA
Fraz. Borettaz, 7
11021 Gressan (AO)



EMILIA
Gruppo Otologico
C asa di Cura Piacenza

Via Morigi 41
29100 Piacenza
tel +39 0523 754362


CHIRURGIA PRIVATA
Casa di Cura
Fornaca
C.so Vittorio Emanuele II 91
10128 Torino


Casa di Cura Santa Caterina da Siena (già delle Suore Domenicane)

Via Villa della Regina 19
10131 Torino

CHIRURGIA PRIVATA E CONVENZIONATA CON IL SSN
Gruppo Otologico
Casa di Cura
Piacenza

Via Morigi 41
29100 Piacenza

CONTATTI
ORARIO SEGRETERIA
Lunedì - Venerdì
dalle ore 9 alle ore 12 e
dalle ore 14 alle ore 18

TELEFONI
+39 011 3044000 r.a.


FAX
+39 011 5089275

CUP FORNACA
+39 011 5574355

E-MAIL
info@orl.it

SKYPE
orl.associati
segreteria.orlassociati

COME VISITIAMO
Tutto quello che dovete sapere per una visita presso il nostro studio. Cosa dovete fare, cosa dovete portare e altro....

COME OPERIAMO
Tutto quello che dovete sapere per un intervento con noi...
LA NOSTRA CHIRURGIA
Cosa operiamo. In breve tutti i tipi di chirurgia che eseguiamo ed in cui abbiamo particolare esperienza...
GOOGLE MAPS 

Torna alla Home Page

DALL'OSTRUZIONE RESPIRATORIA AI POLIPI

INTRODUZIONE
LA SINUSITE
L'ALLERGIA
DEVIAZIONE DEL SETTO
CONCHA BULLOSA
TURBINATO PARADOSSO
IPERTROFIA DEI TURBINATI
POLIPOSI NASALE

 

L’ostruzione respiratoria nasale, ossia la difficoltà a respirare per via nasale, è il primo sintomo e quello principale di tutta la patologia nasosinusale. Essa è dovuta ad edema (gonfiore) e/o ipertrofia (aumento delle dimensioni) del rivestimento mucoso del naso, soprattutto a livello dei turbinati. La sua comparsa, graduale o improvvisa, ed eventuali altri sintomi associati caratterizzano le diverse patologie e possono indirizzare la diagnosi. Gli altri sintomi tipici della patologia naso sinusale sono: rinorrea (cioè produzione di muco), starnutazione, iposmia (riduzione dell’olfatto), senso di peso facciale e, contrariamente a quanto si crede, più raramente cefalea vera e propria.

La più comune affezione di questo distretto è rappresentata dal raffreddore comune, dove all’ostruzione respiratoria di associano starnutazione e rinorrea sierosa abbondante che si risolvono spontaneamente nell’arco di 10 giorni. Quando la durata dei disturbi persiste per più di 10 giorni e la rinorrea tende a diventare collosa, dobbiamo sospettare una sinusite (*) , che deve essere trattata in maniera adeguata, poiché rappresenta una delle patologie a maggiore tendenza di cronicizzazione.
Diversi fattori intervengono nel favorire la trasformazione di un raffreddore in sinusite: la presenza di allergie (*), che alterano la reattività della mucosa e le sue difese immunitarie; anomalie anatomiche come la deviazione del setto (*), la concha bullosa (*), il turbinato paradosso (*), che alterano il flusso respiratorio, cioè il passaggio di aria all’interno del naso, rendendolo meno efficace. Queste entità, essendo per lo più delle caratteristiche congenite che si manifestano con lo sviluppo, causano una ostruzione respiratoria nasale destinata con il tempo a peggiorare per l’associazione di disturbi infiammatori o di ipertrofia dei turbinati (*).
Un quadro a parte è la poliposi nasale (*), malattia spesso associata ad asma e talvolta ad allergia.

 
SINUSITE

La sinusite è una infiammazione dei seni paranasali (cavità ossee del cranio in comunicazione con le fosse nasali). Vi sono, per ciascun lato, un seno mascellare, un seno frontale, un seno sfenoidale ed un seno etmoidale. La patologia può interessare una o più di queste strutture mono o bilateralmente. Sintomi caratteristici sono: ostruzione respiratoria nasale, secrezione purulenta nasale, muco che scende dal naso alla gola, riduzione o scomparsa dell’olfatto, gonfiore a livello della guancia o attorno agli occhi, cattivo odore a livello del naso, cefalea ricorrente, ovattamento auricolare e otiti recidivanti.

sinusite acuta
sinusite cronica

Diagnosi

  • storia clinica: la persistenza dei sintomi appena elencati per almeno 10 giorni indica una sinusite acuta. Se presenti da 12 o più settimane parliamo di sinusite cronica
  • esame obiettivo rinoscopico: riscontro di secrezione purulenta o mucosa nelle fosse nasali, di mucose iperemiche ed edematose, talora di polipi nasali
  • TC del massiccio facciale senza mezzo di contrasto: è richiesta in caso di sinusite cronica o di sinusite acuta ricorrente, nonostante una terapia medica adeguata, per definire una eventuale indicazione chirurgica. Essa evidenzia l’entità dell’infezione, i seni interessati ed eventuali anomalie anatomiche predisponenti. La bibliografia internazionale sconsiglia l'uso della radiografia semplice dei seni paranasali che perciò non deve essere più richiesta

Terapia

La sinusite acuta può essere trattata e risolta con ADEGUATA terapia medica: antibiotico a dosaggio pieno e per almeno 15 giorni, cortisonico sistemico e locale.
La sinusite cronica ha più opzioni terapeutiche:

  • terapia medica: richiede l’uso di antibiotici per almeno 3 mesi e steroidi topici; secondo studi inglesi questo trattamento ha la stessa probabilità di controllare la malattia dell’intervento chirurgico.
  • intervento chirurgico: è la soluzione elettiva in particolare quando vi è un ostacolo al passaggio dell’aria dal naso ai seni paranasali per difetti anatomici come la deviazione del setto (*) e/o concha bullosa(*) o per presenza di poliposi(*).
  • astensione terapeutica: vi è un progressivo peggioramento dei disturbi respiratori che possono estendersi alle basse vie respiratorie (sindrome sinuso-bronchiale); non è possibile inoltre escludere il rischio di complicanze anche gravi (infezioni a carico del contenuto orbitario, infezioni delle ossa facciali, meningiti, ascessi cerebrali, ecc.).

Tecnica chirurgica

  • Con l’aiuto di fibre ottiche e tecniche di microchirurgia endoscopica si rimuove il tessuto patologico e si apre un’ampia e definitiva comunicazione tra i seni paranasali e le cavità nasali, riducendo il rischio di recidive dell’infezione; in caso di polipi viene utilizzato un apposito strumento che frantuma e aspira i polipi (debrider o shaver). Alla fine dell’intervento si applica una sostanza particolare a base di cellulosa semifluida che sostituisce il tamponamento nasale, permette al paziente di respirare dal naso e si dissolverà spontaneamente o sarà in parte aspirato nel post-operatorio. Raramente può essere necessario un tamponamento nasale che viene rimosso dopo 24-48 ore.
    Il decorso post-operatorio non è di norma doloroso. Possono, raramente, essere presenti edema ed ematomi palpebrali e della radice del naso che si riassorbiranno in 10-12 giorni. Dovranno essere effettuate visite di controllo ambulatoriali per i successivi 15 giorni, che verranno programmate di volta in volta compatibilmente con le necessità del caso clinico. Per qualche settimana il naso operato produrrà muco molto denso e potranno formarsi croste nasali, da rimuovere se producessero ostruzione respiratoria.
    Attività lavorative leggere o di ufficio possono essere riprese nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 15 giorni prima di ritornare al lavoro. La ripresa di una funzione nasale normale richiede di solito 3-4 settimane.
  • Polipi nasali: L’asportazione dei polipi viene solitamente effettuata in anestesia generale. In casi selezionati è possibile effettuare l’intervento in anestesia locale utilizzando il debrider, uno strumento che frantuma e aspira i polipi.
    Con l’aiuto di fibre ottiche e tecniche di microchirurgia endoscopica si procede allo svuotamento delle cavità nasali e delle cellette dell’etmoide (un osso cavo situato tra occhi, cavità nasali e base del cranio) da cui solitamente originano i polipi. Talvolta è necessario procedere a svuotamento dei seni mascellare, sfenoidale e frontale o semplicemente all’allargamento del loro canale di sbocco nelle cavità nasali. Alla fine dell’intervento si applica una sostanza particolare a base di cellulosa semifluida che sostituisce il tamponamento nasale, permette al paziente di respirare dal naso e si dissolverà spontaneamente o sarà in parte aspirato nel post-operatorio. Raramente può essere necessario un tamponamento nasale che viene rimosso dopo 24-48 ore.
    Il decorso post-operatorio non è di norma doloroso. Possono, raramente, essere presenti edema ed ematomi palpebrali e della radice del naso che si riassorbiranno in 10-12 giorni. Dovranno essere effettuate visite di controllo ambulatoriali per i successivi 15 giorni, che verranno programmate di volta in volta compatibilmente con le necessità del caso clinico. Per qualche settimana il naso operato produrrà muco molto denso e potranno formarsi croste nasali, da rimuovere se producessero ostruzione respiratoria.
    Attività lavorative leggere o di ufficio possono essere riprese nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 15 giorni prima di ritornare al lavoro. La ripresa di una funzione nasale normale richiede di solito 3-4 settimane.

APPROFONDIMENTI SU SINUSITE

 

L'ALLERGIA
comporta ostruzione respiratoria nasale, rinorrea sierosa abbondante, starnutazione, lacrimazione. Può essere stagionale o perenne ed è strettamente legata all’esposizione alla sostanza a cui si è allergici (allergene). Si ha un rigonfiamento di tutta la mucosa nasale (edema) che è inizialmente transitorio. Con il tempo, e soprattutto in assenza di trattamento, l’edema diviene permanente e può dare origine a ipertrofia dei turbinati (*) e polipi nasali (*). La conseguente ostruzione nasale non si risolve neanche nei periodi di assenza dell’allergene.
endoscopia a fibre ottiche: turbinato inferiore ipertrofico per allergia
sinusite etmoido-mascellare sinistra in rinite allergica e deviazione del setto verso destra
ipertrofia dei turbinati inferiori in rinite allergica. Iniziale sinusopatia etmoidale
ipertrofia dei turbinati inferiori in rinite allergica con iniziale interessamento sinusale mascellare sinistro ed etmoidale destro

Diagnosi

  • storia clinica: presenza dei sintomi appena elencati durante uno specifico periodo dell’anno o in precise situazione come il contatto con un animale o la permanenza in ambienti polverosi
  • esame obiettivo: rinoscopia a fibre ottiche che evidenzia edema pallido diffuso a tutta la mucosa del naso con abbondante secrezione sierosa.
  • visita allergologica e prove allergometriche: sono indispensabili per stabilire la stagionalità della patologia e della terapia.

Terapia

  • terapia medica: antiistaminici da assumere con regolarità durante il periodo di possibile esposizione all’allergene. Steroidi nasali topici che possono alleviare anche una eventuale congiuntivite associata.
  • terapia chirurgica: viene riservata ai casi in cui l’edema della mucosa è divenuto permanente e non viene risolto dalla terapia medica. Il ricorso alla chirurgia naturalmente non risolve lo stato allergico ma cura l’ostruzione nasale cioè un sintomo. Pertanto, anche dopo un trattamento chirurgico sarà necessario continuare una terapia medica adeguata.

Tecnica chirurgica

  • Ipertrofia dei turbinati: L’intervento viene eseguito in anestesia locale e consiste nello svuotamento parziale o totale dei turbinati inferiori laser assistito. Non richiede tamponamento ma solo il posizionamento di una garza grassa che viene rimossa senza fastidio alcuno dopo 2-3 giorni. Di solito il paziente può riprendere attività lavorative nel giro di 2-3 giorni mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 7 giorni prima di ritornare al lavoro.

APPROFONDIMENTI SU CHIRURGIA DEL SETTO E DEI TURBINATI

 
LA DEVIAZIONE DEL SETTO

Comporta ostacolo persistente alla respirazione nasale e generalmente è associata a ipertrofia (aumento delle dimensioni) dei turbinati nasali (*)(strutture ossee poste sulle pareti laterali delle fosse nasali). In alcuni casi l’ostacolo alla respirazione nasale può essere causa di roncopatia (*) notturna (russamento durante il sonno); di apnee notturne(*) (brevi istanti in cui cessa l’attività respiratoria nel sonno e che solitamente causano risveglio con conseguente cattiva qualità del sonno); favorire una infezione dei seni paranasali (sinusite acuta o cronica(*)); infezioni recidivanti dell’orecchio medio (otite media (*)). La deviazione del setto nasale può in alcuni casi associarsi ad una deformazione esterna del naso che, per la sua correzione, richiede un tipo di intervento specifico: la rinoplastica.
In alcuni casi la deviazione ossea del setto può esercitare una compressione su particolari zone sensibili delle fosse nasali e causare crisi di cefalea emifacciale atipica (S. di Sluder) caratterizzate da dolore che dalla radice del naso di un lato si irradia all'occhio ed a metà del capo, lacrimazione e ptosi palpebrale (abbassamento della palpebra). Queste crisi dolorose si attenuano con l'uso di decongestionanti del naso o con anestesia locale e possono migliorare con l'intervento sul setto nasale

Endoscopia a fibre ottiche fossa nasale sinistra: deviazione a sperone del setto nasale che si appoggia sul turbinato inferiore deformandolo
deviazione anteriore del setto nasale post-trumatica
Deviazione del setto nasale post-traumatica osteocartilaginea anteriorevista sia in proiezione coronale che assiale nello stesso paziente
deviazioni posteriori del setto nasale probabilmente congenite vista l'asimmetria di sviluppo del complesso sinusale evidente soprattutto nella proiezione coronale

Diagnosi

  • storia clinica: persistenza nel tempo di difficoltà alla respirazione nasale ad andamento spesso peggiorativo eventualmente associata ad un difetto nella qualità della voce e a riduzione dell’olfatto (iposmia);
  • esame obiettivo: la rinoscopia anteriore e la rinoscopia con l’ausilio delle fibre ottiche mettono in evidenza la deviazione del setto nasale, l’eventuale ipertrofia dei turbinati(*), una anomalia dei turbinati medi che faccia sospettare una concha bullosa(*) o un turbinato paradosso (*);
    esame rinomanometrico: studia il flusso d’aria e le resistenze nasali dimostrando, in caso di deviazioni, una riduzione del primo ed un aumento delle seconde;
  • TC del massiccio facciale: evidenzia l’entità della deviazione del setto, l’ingrossamento dei turbinati, conferma associate anomalie anatomiche e l’eventuale presenza di infiammazione di strutture contigue (seni paranasali);
  • tests allergologici: da eseguire quando vi sia il sospetto clinico o obiettivo di una rinopatia su base allergica

Terapia

  • Intervento chirurgico: è la soluzione elettiva e non esistono soluzioni alternative
  • Astensione terapeutica: in questo caso i disturbi respiratori persistono nel tempo e la presenza di roncopatia e apnee notturne possono essere causa di complicanze cardiache e respiratorie e comunque non consentire un sufficiente riposo notturno. La deviazione del setto non trattata può favorire episodi di sinusite acuta ed evolvere verso una sinusite cronica

Questi due pazienti con deviazione del setto nasale non operata e ostruzione respiratoria di lunga duratahanno sviluppato prima una rinite ipertrofica e quindi una sinusite cronica. Il paziente di sinistra ha una sinusite mascellare sinistra per blocco del complesso ostio-meatale, quello di destra ha sviluppato una sinusite etmoidale bilaterale. In questi casi l'indicazione chirurgica è assoluta perchè la patologia ha sicuramente una evoluzione peggiorativa.

Tecnica chirurgica

L’intervento viene generalmente eseguito in anestesia generale ed in alcuni casi è possibile eseguire l’intervento con tecniche endoscopiche.
Il laser può essere utilizzato con successo quando vi siano deviazioni esclusivamente cartilaginee. Le varie opzioni verranno discusse di volta in volta con il paziente tenendo anche in considerazione le sue condizioni generali, l’età, le eventuali controindicazioni all’anestesia.
Nella tecnica tradizionale si effettua una incisione all’interno del naso per esporre la cartilagine e l’osso deviati che vengono rimodellati o asportati fino ad ottenere un setto ben allineato. Si sutura quindi la ferita chirurgica ed il setto viene mantenuto nella sua nuova posizione da due lamine di silicone che vengono mantenute in sede per 7-10 giorni. Generalmente non è necessario alcun tamponamento, ma nei rari casi di sanguinamento, si utilizza un tampone spugnoso che non aderisce alla mucosa nasale e che sarà tolto dopo circa 2 giorni con poco disagio per il paziente. Alla settoplastica, nei casi necessari, si può associare il trattamento della ipertrofia dei turbinati(*) con strumenti specifici (coagulazione bipolare, laser, bisturi armonico, radiofrequenza, ecc.), la plastica della concha bullosa(*) o del turbinato paradosso (*). Il decorso post-operatorio non è di norma doloroso. Potrà essere presente un lieve gonfiore della regione della columella (la parte inferiore del naso) e del labbro superiore con dolore alla palpazione ma non ci saranno ematomi visibili sulla superficie esterna del viso. Dopo 7 giorni dall’intervento, il silicone viene rimosso, le secrezioni aspirate e si esegue una medicazione con pomate antibiotiche. Per qualche settimana il naso operato produrrà muco molto denso e potranno formarsi croste nasali, da rimuovere se producessero ostruzione respiratoria.
Di solito il paziente può riprendere attività lavorative leggere o di ufficio nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 15 giorni prima di ritornare al lavoro. Il ritorno ad una funzione nasale normale richiede di solito 3-4 settimane

APPROFONDIMENTI SU CHIRURGIA DEL SETTO E DEI TURBINATI

 

CONCHA BULLOSA
è una anomalia dello sviluppo del turbinato medio: invece di essere un osso piatto che delimita il meato medio, cioè la zona in cui si aprono i seni paranasali, favorendo l’ingresso dell’aria inspirata, assume una forma globosa e blocca il meato producendo una ostruzione respiratoria nasale che il paziente riferisce alta. Spesso si associano episodi di sinusite (*) ricorrenti per il cattivo funzionamento degli osti di ingresso dei seni paranasali.
Concha bullosa: e= etmoide, m= seno mascellare, ti= turbinato inferiore, s= setto nasale. Lo sviluppo della concha bullosa di sinistra ha prodotto una deformazione del setto che è deviato verso destra. Il paziente lamenta ostruzione respiratoria nasale. le cavità sinusali per ora sono normalmente aerate e sane
concha bullosa e sinusite polipoide massiva bilaterale
Concha bullosa bilaterale. Il paziente ha seni paranasali normali e lamenta solo ostruzione respiratoria
concha bullosa bilaterale. Quella di sinistra più grande ha spinto il setto nasale a svilupparsi deviato a destra. E' presente anche ipertofia dei turbinati
concha bullosa destra. A sx è presente una deformazione del turbinato medio definita come turbinato paradosso in cui la normale forma ossea ha una curvatura invertita. Il paziente ha ostruzione respiratoria

Diagnosi

  • esame obiettivo: la rinoscopia anteriore a fibre ottiche dimostra un rigonfiamento del turbinato medio e spesso una concomitante deviazione del setto nasale che viene “spinto” dal turbinato rigonfio.
  • TAC: evidenzia la malformazione ed eventuali patologie associate dei seni paranasali.

Terapia

Quando la concha bullosa è sintomatica l’unica opzione terapeutica è la chirurgia endoscopica. In caso di concha bullosa isolata, la si può facilmente eseguire in anestesia locale e sedazione. Si effettua la rimozione della parete laterale del turbinato ricreando una struttura con forma laminare. Non richiede tamponamento di alcun genere. Si può associare la correzione di una deviazione del setto (*) o di una sinusite (*) quando presenti. Il decorso postoperatorio non è doloroso. Si effettua una prima visita di controllo dopo 7 giorni per aspirare le secrezioni. Di solito il paziente può riprendere l’attività lavorativa nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento.

APPROFONDIMENTI SU CHIRURGIA DEL SETTO E DEI TURBINATI

 

TURBINATO PARADOSSO
è una anomalia dello sviluppo del turbinato medio: invece di essere un osso piatto con una lieve curvatura verso il meato medio, cioè la zona in cui si aprono i seni paranasali, favorendo il passaggio dell’aria inspirata, assume una curvatura opposta, verso il setto nasale producendo così ostruzione respiratoria.
turbinato paradosso dx associato a sinusite mascellare iperplastica
turbinato paradosso bilaterale con seni paranasali normali e asintomatico
turbinato paradosso sinistro associato a deviazione del setto nasale e ipertrofia dei turbinati inferiori. Ostruzione respiratoria importante
turbinato paradosso destro associato a concha bullosa sinistra, sinusite etmoidale e cisti del seno mascellare. Ostruzione respiratoria.

Diagnosi

  • esame obiettivo: la rinoscopia anteriore a fibre ottiche dimostra la anomala curvatura del turbinato medio e spesso una concomitante deviazione del setto nasale (*) .
  • TAC: evidenzia la malformazione ed eventuali patologie associate dei seni paranasali.

Terapia

L’unica opzione terapeutica è la chirurgia endoscopica ed, in caso di alterazione isolata, la si può facilmente eseguire in anestesia locale e sedazione. Si effettua la rimozione della anomala curvatura del turbinato che non richiede tamponamento di alcun genere. Si può associare la correzione di una deviazione del setto (*) o di una sinusite (*) quando presenti. Il decorso postoperatorio non è doloroso. Si effettua una prima visita di controllo dopo 7 giorni per aspirare le secrezioni e di solito il paziente può riprendere l’attività lavorativa nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento.

APPROFONDIMENTI SU CHIRURGIA DEL SETTO E DEI TURBINATI

 

IPERTROFIA DEI TURBINATI
Consiste nell’aumento di dimensione dei turbinati nasali inferiori con conseguente ostruzione respiratoria. E’ dovuta spesso ad allergia (*) ma può essere la risposta nasale ad una respirazione non corretta, come nella deviazione del setto, nella sinusite, nella poliposi.
Ipertrofia turbinato inferiore sx
ipertrofia turbinati e sinusite iperplastica

Diagnosi

  • storia clinica: persistenza nel tempo di difficoltà alla respirazione nasale ad andamento spesso peggiorativo eventualmente associata ad un difetto nella qualità della voce e a riduzione dell’olfatto (iposmia);
  • esame obiettivo: la rinoscopia anteriore e la rinoscopia con l’ausilio delle fibre ottiche mettono in evidenza un ingrossamento dei turbinati, con significativa riduzione dello spazio all’interno delle fosse nasali;
  • tests allergologici: da eseguire quando vi sia il sospetto clinico o obiettivo di una rinopatia su base allergica

Terapia

  • terapia medica: possono essere utilizzati spray nasali a base di cortisone o decongestionanti che tuttavia nel tempo perdono di efficacia e possono peggiorare l’ostruzione. In caso di allergia documentata si usano antiistaminici
  • intervento chirurgico: riduce le dimensioni dei turbinati aumentando lo spazio respiratorio.
  • astensione terapeutica: in questo caso i disturbi respiratori persistono nel tempo e di solito peggiorano con la comparsa di roncopatia (*) ed eventuali apnee notturne(*) o/e sinusite

Tecnica chirurgica

L’intervento viene eseguito in anestesia locale e consiste nello svuotamento parziale o totale dei turbinati inferiori laser assistito. Non richiede tamponamento ma solo il posizionamento di una garza grassa che viene rimossa senza fastidio alcuno dopo 2-3 giorni. Di solito il paziente può riprendere attività lavorative nel giro di 2-3 giorni mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 7 giorni prima di ritornare al lavoro.

APPROFONDIMENTI SU CHIRURGIA DEL SETTO E DEI TURBINATI

 
POLIPOSI NASALE

I polipi nasali sono formazioni benigne derivate dall’infiammazione cronica della mucosa del naso e dei seni paranasali; questa patologia è più frequente, ma non esclusiva, nei soggetti allergici. La poliposi nasosinusale causa ostruzione respiratoria nasale, riduzione dell’olfatto, sinusiti recidivanti.

poliposi naso-sinusale massiva in proiezione coronale ed assiale
altro caso di poliposi naso-sinusale massiva in proiezione coronale ed assiale
poliposi massiva in cui sono soinvolte tutte le cavità sinusali
polipo antrocoanale destro. Particolare tipo di polipo che origina dal seno mascellare e fuoriesce nella fossa nasale bloccando la coana e il passaggio tra naso e gola

Diagnosi

  • storia clinica: ostruzione respiratoria nasale ingravescente associata ad un difetto nella qualità della voce (voce nasale), rinorrea e riduzione dell’olfatto.
  • esame obiettivo rinoscopico: riscontro di formazioni polipoidi biancastre, lisce, gelatinose, che occupano le fosse nasali.
  • TC del massiccio facciale: evidenzia la presenza dei polipi nasali e l’eventuale associazione di infiammazione e di interessamento dei seni paranasali, dimostra inoltre caratteristiche anatomiche peculiari.
  • visita pneumologica: da eseguire se alla poliposi nasale si associano disturbi delle vie respiratorie basse con bronchite cronica, asma bronchiale, enfisema.
  • tests allergologici: sono utili per la ricerca di eventuali fattori allergici aggravanti o scatenanti della poliposi naso-sinusale in particolare la sensibilizzazione a miceti e alternaria

Terapia

La poliposi nasale è una malattia intrinsecamente soggetta a recidive, poiché al momento attuale si trattano i sintomi non la malattia di base nè il difetto di funzionamento della mucosa che porta alla formazione di polipi, non essendo ancora noto.
La percentuale di recidive ed il momento in cui la patologia si ripresenta è variabile (da pochi mesi a molti anni) e dipende oltre che dal terreno (allergico o/e iperergico) del paziente, dalla radicalità con cui è stato condotto l’intervento e dalla costanza delle terapie mediche effettuate. La letteratura internazionale concorda sulla necessità assoluta delle terapie pre- e post-operatorie (antistaminici, cortisonici sia per uso locale che generale) che saranno concordate con il medico curante anche sulla base delle condizioni cliniche del paziente

  • terapia medica: in alcuni casi può ottenere una regressione parziale o completa della poliposi nasale, si utilizzano per lo più cortisonici topici da usare con continuità e sistemici a cicli. Talora si associano antibiotici per le complicazioni sinusitiche.
  • intervento chirurgico: ha indicazione in quei casi in cui la terapia medica non abbia risolto il problema o se, per altri problemi, non può essere utilizzato il cortisone
  • astensione terapeutica: in questo caso i disturbi respiratori persistono nel tempo associati ai disturbi dell’olfatto, cefalea, secrezioni mucose o mucopurulente, possibili apnee notturne ed asma bronchiale
Poliposi nasale bilaterasle massiva: TAC del 2006. Il paziente non ha voluto essere operato ed ha preferito sottoporsi a cicli di terapia medica con cortisonisci sistemici e locali e di antibiotici ripetuti più volte l''anno
Nel 2009, lo stesso paziente, vista la obiettività decisamente migliorata è stato sottoposto a nuova TAC di controllo che ha dimostrato un sorprendente ed infrequente miglioramento della patologia. Attualmente terapia di mantenimento con cortisonici locali

 

Tecnica chirurgica

Perché fare l’intervento nonostante le recidive?
L’intervento comporta miglioramento della respirazione nasale, della rinorrea e spesso dell’iposmia, perché rimuove le formazioni polipose che occupano le fosse nasali. Crea inoltre una migliore comunicazione tra naso e seni paranasali, consentendo alla terapia cortisonica topica di raggiungere tutti i distretti interessati dalla patologia con un miglior controllo delle recidive nel tempo.
La asportazione dei polipi viene solitamente effettuata in anestesia generale. In casi selezionati (recidive frequenti, età elevata del paziente, controindicazioni all’anestesia generale) è possibile effettuare l’intervento in anestesia locale utilizzando il debrider, uno strumento che frantuma e aspira i polipi.

Chirurgia endoscopica nasosinusale: fossa nasale sinistra appena eseguita l'infiltrazione
si eliminano i tamponi imbevuti di adrenalina utilizzati per decongestionare i tessuti e ridurre così il sanguinamento
chirurgia endoscopica naso-sinusale (FESS) per poliposi nasale: si inizia dall'uncinectomia (asportazione del processo uncinato
al termine dell'intervento dopo meatotomia media (apertura del seno mascellare (s max), plastica del turbinato medio (tm) apertura e svuotamento dell'etmoide fino alla lamina papiracea (lp)

Con l’aiuto di fibre ottiche e tecniche di microchirurgia endoscopica si procede allo svuotamento delle cavità nasali e delle cellette dell’etmoide (un osso cavo situato tra occhi, cavità nasali e base del cranio) da cui solitamente originano i polipi. Talvolta è necessario procedere a svuotamento dei seni mascellare, sfenoidale e frontale o semplicemente all’allargamento del loro canale di sbocco nelle cavità nasali. Alla fine dell’intervento si applica una sostanza particolare a base di cellulosa semifluida che sostituisce il tamponamento nasale, permette al paziente di respirare dal naso e si dissolverà spontaneamente o sarà in parte aspirato nel post-operatorio. Raramente può essere necessario un tamponamento nasale che viene rimosso dopo 24-48 ore.
Il decorso post-operatorio non è di norma doloroso. Possono, raramente, essere presenti edema ed ematomi palpebrali e della radice del naso che si riassorbiranno in 10-12 giorni. Dovranno essere effettuate visite di controllo ambulatoriali per i successivi 15 giorni, che verranno programmate di volta in volta compatibilmente con le necessità del caso clinico. Per qualche settimana il naso operato produrrà muco molto denso e potranno formarsi croste nasali, da rimuovere se producessero ostruzione respiratoria.
Attività lavorative leggere o di ufficio possono essere riprese nel giro di 4-5 giorni dopo l’intervento mentre, soprattutto se il paziente è esposto a fumi, vapori, polvere, dovranno passare almeno 15 giorni prima di ritornare al lavoro. La ripresa di una funzione nasale normale richiede di solito 3-4 settimane.
Il paziente dovrà iniziare immediatamente la terapia preventive e sottoporsi a controlli endoscopici ogni 6 mesi.

APPROFONDIMENTI SULLA CHIRURGIA DELLA POLIPOSI

Schede di approfondimento
La TAC dei seni paranasali - come, perchè?
Chirurgia del setto nasale, dei turbinati e della concha bullosa
Chirurgia della sinusite cronica
Chirurgia dei polipi nasali
Chirurgia delle vie lacrimali - dacriocistorinostomia
Chirurgia delle sinusiti odontogene
 

LE INFORMAZIONI SCIENTIFICHE E DIVULGATIVE CONTENUTE IN QUESTO SITO SONO BASATE SULLA NOSTRA ESPERIENZA E RIFERISCONO OPINIONI PERSONALI del dott. Fernando Mancini e della dott.ssa Manuela Sacchi, specialisti in Otorinolaringoiatria
PER OGNI DISTURBO E' NECESSARIO CONSULTARE IL PROPRIO MEDICO CURANTE O IL PROPRIO SPECIALISTA

tutte le comunicazioni con i pazienti che desidereranno contattarci saranno trattate nel rispetto delle leggi vigenti sul diritto alla privacy

QUESTO SITO NON RICEVE FONDI, DONAZIONI O SPONSORIZZAZIONI PUBBLICITARIE DI ALCUN TIPO ED E' FINANZIATO INTERAMENTE DA:
OtoRinoLaringoiatri Associati, associazione professionale
dott. Fernando Mancini, dott.ssa Manuela Sacchi
Corso Stati Uniti, 39 - 10129 Torino, Italia
tel. 011 3044000 fax 011 5089275 e-mail: info@orl.it
p.IVA 10209260016

Copyright © 2009 OtoRinoLaringoiatri Associati - Tutti i diritti riservati
per segnalazioni scrivere a: info@orl.it
ultimo aggiornamento: Maggio 19, 2013 11:19 AM