LE VERTIGINI

 

LA MALATTIA E LA SINDROME DI MENIERE
LA VERTIGINE DEL BAMBINO
LA VERTIGINE PAROSSISTICA O CUPULOLITIASI

MALATTIA DI MENIERE

MALATTIA DI MENIERE

La Malattia di Menière si manifesta con crisi di vertigine della durata di qualche ora, ingenere piuttosto violente e quindi accompagnate da nausea, vomito e disturbi dell'equilibrio, con impossibilità di stare in piedi, camminare e lavorare. Durante la crisi, e spesso anche qualche ora prima, il paziente può avvertire dei disturbi in un orecchio o in entrambe le orecchie: diminuzione di udito, ronzii, sensazione di orecchio chiuso. La presenza e il riconoscimento di questi sintomi uditivi, spesso trascurati dal paziente che è soprattutto preoccupato dalla vertigine , è molto importante per la diagnosi di Malattia di Menière. Le crisi insorgono in maniera improvvisa e si risolvono spontaneamente dopo qualche ora, ma possono ricomparire. Il loro andamento è del tutto irregolare e capriccioso e purtroppo non si può prevedere se e quando le crisi si presenteranno, né quale sarà la loro intensità. Questo carattere imprevedibile delle crisi è l'aspetto più disturbante della Malattia di Menière. In genere col passare degli anni le crisi vertiginose diminuiscono di intensità e frequenza mentre impaziente è sempre più disturbato dalla diminuzione di udito e dai ronzii all'orecchio.

La Malattia di Menière è una malattia esclusiva del labirinto, ossia dell'orecchio interno, e non riguarda il cervello o altre parti dell'organismo. Si pensa sia dovuta all'aumento della pressione del liquido contenuto nel labirinto ( idrope dell'endolinfa ), ma non si conoscono con precisione le cause di questo aumento di pressione. In alcune donne può essere legato alla ritenzione di liquidi che si ha in fase premestruale. La malattia colpisce di solito un solo orecchio, ma in circa un quarto dei casi, dopo alcuni anni, può divenire bilaterale.

La terapia della Menière deve essere calibrata caso per caso, in rapporto alla frequenza e alla intensità delle crisi. Si va una semplice dieta povera di sale, che riduce la possibilità di accumulo di liquidi nell'organismo, all'uso saltuario e programmato di diuretici, che favoriscono l'eliminazione di liquidi dall'organismo, a terapie mediche più impegnative, per via endovenosa, nel corso di ricovero ospedaliero. Nelle forme più ribelli vi è la possibilità di una terapia chirurgica e anche qui si può spaziare dalla decompressione del sacco endolinfatico ( un microscopico spazio nell'orecchio interno dove si accumula l'endolinfa in eccesso ), intervento relativamente semplice ma non sempre risolutivo, alla sezione del nervo vestibolare, intervento più impegnativo ma che elimina la possibilità di nuove crisi di vertigine.

Va ricordato che in ogni caso gli interventi chirurgici non modificano l'andamento dei disturbi uditivi, diminuzione di udito e ronzii.

LA VERTIGINE DEL BAMBINO

LA VERTIGINE DEL BAMBINO

La vertigine nel bambino è piuttosto rara e la forma più comune è conosciuta come vertigine parossistica benigna dell'infanzia. Si manifesta nei bambini anche piccoli in forma di crisi che compaiono improvvisamente, in qualunque momento della giornata e mentre il bambino svolge qualunque attività. Le crisi possono durare da qualche secondo a parecchi minuti, possono essere sempre più o meno intense e si ripetono con una frequenza estremamente variabile. Il bambino spesso non è particolarmente spaventato dalle crisi e quando queste cessano riprende i suoi giochi o si addormenta. Questa forma viene considerata un equivalente emicranico e spesso i famigliari del bambino soffrono di emicrania o, nei bambini più grandicelli, le vertigini si associano al mal di testa. Spesso ancora i bambini soffrono di mal d'auto o di mal di mare o di dolori addominali.

La vertigine dell'infanzia viene definita benigna perché con la crescita del bambino le crisi divengono meno frequenti ed intense, sino a scomparire; qualche volta vengono sostituite da vere crisi emicraniche. Data questa evoluzione benigna in molti casi si preferisce non praticare nessuna terapia e limitarsi a controlli periodici. Per una diagnosi corretta della vertigine dell'infanzia, accanto all'esame vestibolare, sono necessari accurati e ripetuti esami neurologici, qualche volta seguiti da esami strumentali come l'elettroencefalografia, la TAC o la RMN, per escludere che il bambino non soffra in realtà di altre malattie neurologiche più serie, come l'epilessia.

VPPB - CUPULOLITIASI

VERTIGINE PAROSSISTICA POSIZIONALE BENIGNA - CUPULOLITIASI

Una delle forme più comuni di vertigine è la vertigine di posizione parossistica benigna (VPPB). Come dice il nome questa vertigine sin manifesta con crisi parossistiche, ossia intense e brevi, della durata di qualche secondo, scatenate da una particolare posizione della testa, in genere quella che si ha estendendo la testa e ruotandola da un lato, come ad esempio quando ci si corica nel letto, quando ci si alza dal letto o quando ci si gira nel letto. Le crisi sono tanto più violente quanto più è rapido il movimento della testa che le provoca e si ripetono tutte le volte che il movimento viene ripetuto.

La VPPB è definita benigna perché dopo un certo numero di giorni o di settimane le crisi di vertigine si attenuano e scompaiono spontaneamente. Esiste tuttavia la possibilità, come nel caso di altre malattie benigne come l'influenza o il raffreddore, che una serie di crisi possa ricomparire a distanza di tempo. Si ritiene che la causa della vertigine sia il distacco di alcuni piccoli cristalli di carbonato di calcio, in pratica di microscopici sassolini, che si trovano normalmente fissati in una parte del labirinto. Una volta distaccati, in seguito ai movimenti della testa, questi sassolini ( otoliti ), vengono a poggiare sulla cupola di un canale semicircolare (cupololitiasi ), stimolandola e provocando la vertigine. La causa del distacco degli otoliti è in genere sconosciuta ; qualche volta si riesce a stabilire che è dovuta a un trauma cranico, anche lieve, a una infezione virale , come influenza, o a disturbi della circolazione del labirinto, specie nei pazienti anziani.

La cura consiste in una brusca manovra fatta dal medico ( manovra liberatoria ) che porta alla dispersione degli otoliti, come se si trattasse di una manipolazione del labirinto. In alcuni casi la manovra deve essere ripetuta o ad essa deve seguire una ginnastica particolare.

ARCHIVIO SCIENTIFICO

LE INFORMAZIONI SCIENTIFICHE E DIVULGATIVE CONTENUTE IN QUESTO SITO SONO BASATE SULLA NOSTRA ESPERIENZA E RIFERISCONO OPINIONI PERSONALI. IN OGNI CASO SI CONSIGLIA DI CONSULTARE IL PROPRIO MEDICO DI FAMIGLIA O LO SPECIALISTA

 
 

 
 

CREATED BY OTORINOLARINGOIATRI ASSOCIATI - LAST UPDATE MAGGIO 2009
COPYRIGHT © 1999 F.M. - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
SITO PROGETTATO PER UNA RISOLUZIONE DI ALMENO 800x600 PIXEL a 16mil di colori